Problemi di infortunistica ? Ci pensiamo noi !
Problemi di infortunistica ? Ci pensiamo noi !

Invalidità civile nel Codice delle Assicurazioni (art. 138 e 139)

Invalidità civile

Invalidità civile

Assicurazione invalidità civile

Invalidità civile: gli articoli 138 e 139 del Codice delle Assicurazioni prevedono tabelle per la valutazione percentuale dell’invalidità civile da danno biologico lieve e grave..

Codice Assicurazioni

Art 138 Codice Assicurazioni (invalidità civile)
Danno biologico per lesioni di non lieve entità

1. Con decreto del Presidente della Repubblica, previa deliberazione del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro della salute, di concerto con il Ministro delle attività produttive, con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali e con il Ministro della giustizia, si provvede alla predisposizione di una specifica tabella unica su tutto il territorio della Repubblica:
a) delle menomazioni alla integrità psicofisica comprese tra dieci e cento punti;
b) del valore pecuniario da attribuire ad ogni singolo punto di invalidità comprensiva dei coefficienti di variazione corrispondenti all’età del soggetto leso.
2. La tabella unica nazionale è redatta secondo i seguenti principi e criteri:
a) agli effetti della tabella per danno biologico si intende la lesione temporanea o permanente all’integrità psico-fisica della persona, suscettibile di accertamento medico-legale, che esplica un’incidenza negativa sulle attività quotidiane e sugli aspetti dinamico-relazionali della vita del danneggiato, indipendentemente da eventuali ripercussioni sulla sua capacità di produrre reddito;
b) la tabella dei valori economici si fonda sul sistema a punto variabile in funzione dell’età e del grado di invalidità;
c) il valore economico del punto è funzione crescente della percentuale di invalidità e l’incidenza della menomazione sugli aspetti dinamico-relazionali della vita del danneggiato cresce in modo più che proporzionale rispetto all’aumento percentuale assegnato ai postumi;
d) il valore economico del punto è funzione decrescente dell’età del soggetto, sulla base delle tavole di mortalità elaborate dall’ISTAT, al tasso di rivalutazione pari all’interesse legale;
e) il danno biologico temporaneo inferiore al 100% è determinato in misura corrispondente alla percentuale di inabilità riconosciuta per ciascun giorno.
3. Qualora la menomazione accertata incida in maniera rilevante su specifici aspetti dinamico-relazionali personali, l’ammontare del danno determinato ai sensi della tabella unica nazionale può essere aumentato dal giudice sino al 30%, con equo e motivato apprezzamento delle condizioni soggettive del danneggiato.
4. Gli importi stabiliti nella tabella unica nazionale sono aggiornati annualmente, con decreto del Ministro delle attività produttive, in misura corrispondente alla variazione dell’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati accertata dall’ISTAT.

Art 139 Codice Assicurazioni (invalidità civile)
Danno biologico per lesioni di lieve entità

1. Il risarcimento del danno biologico per lesioni di lieve entità, derivanti da sinistri conseguenti alla circolazione dei veicoli a motore e dei natanti, è effettuato secondo i criteri e le misure seguenti:
a) a titolo di danno biologico permanente, è liquidato per i postumi da lesioni pari o inferiori al nove per cento un importo crescente in misura più che proporzionale in relazione ad ogni punto percentuale di invalidità; tale importo è calcolato in base all’applicazione a ciascun punto percentuale di invalidità del relativo coefficiente secondo la correlazione esposta nel comma 6. L’importo così determinato si riduce con il crescere dell’età del soggetto in ragione dello 0,5% per ogni anno di età a partire dall’undicesimo anno di età. Il valore del primo punto è pari ad euro 674,78; (1)
b) a titolo di danno biologico temporaneo, è liquidato un importo di euro 39,37 (1) per ogni giorno di inabilità assoluta; in caso di inabilità temporanea inferiore al 100%, la liquidazione avviene in misura corrispondente alla percentuale di inabilità riconosciuta per ciascun giorno.
2. Agli effetti di cui al comma 1 per danno biologico si intende la lesione temporanea o permanente all’integrità psico-fisica della persona, suscettibile di accertamento medico-legale, che esplica un’incidenza negativa sulle attività quotidiane e sugli aspetti dinamico-relazionali della vita del danneggiato, indipendentemente da eventuali ripercussioni sulla sua capacità di produrre reddito. In ogni caso, le lesioni di lieve entità, che non siano suscettibili di accertamento clinico strumentale obiettivo, non potranno dar luogo a risarcimento per danno biologico permanente. (2)
3. L’ammontare del danno biologico liquidato ai sensi del comma 1 può essere aumentato dal giudice in misura non superiore ad un quinto, con equo e motivato apprezzamento delle condizioni soggettive del danneggiato.
4. Con decreto del Presidente della Repubblica, previa deliberazione del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro della salute, di concerto con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, con il Ministro della giustizia e con il Ministro delle attività produttive, si provvede alla predisposizione di una specifica tabella delle menomazioni alla integrità psicofisica comprese tra uno e nove punti di invalidità.
5. Gli importi indicati nel comma 1 sono aggiornati annualmente con decreto del Ministro delle attività produttive, in misura corrispondente alla variazione dell’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati accertata dall’ISTAT.
6. Ai fini del calcolo dell’importo di cui al comma 1, lettera a), per un punto percentuale di invalidità pari a 1 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,0, per un punto percentuale di invalidità pari a 2 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,1, per un punto percentuale di invalidità pari a 3 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,2, per un punto percentuale di invalidità pari a 4 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,3, per un punto percentuale di invalidità pari a 5 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,5, per un punto percentuale di invalidità pari a 6 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,7, per un punto percentuale di invalidità pari a 7 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 1,9, per un punto percentuale di invalidità pari a 8 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 2,1, per un punto percentuale di invalidità pari a 9 si applica un coefficiente moltiplicatore pari a 2,3.
________________

(1) A norma dell’art. 1 del D.M. 20 giugno 2014 (G.U. n. 153 del 4 luglio 2014), a decorrere dal mese di aprile 2014, gli importi indicati rispettivamente alle lettere a) e b) di questo comma, sono aggiornati, da ultimo, nelle seguenti misure:
– € 795,91 per quanto riguarda l’importo relativo al valore del primo punto di invalidità, di cui alla lettera a);
– €  46,43 per quanto riguarda l’importo relativo ad ogni giorno di inabilità assoluta, di cui alla lettera b).
(2) Il comma che recitava: “2. Agli effetti di cui al comma 1 per danno biologico si intende la lesione temporanea o permanente all’integrità psico-fisica della persona suscettibile di accertamento medico-legale che esplica un’incidenza negativa sulle attività quotidiane e sugli aspetti dinamico-relazionali della vita del danneggiato, indipendentemente da eventuali ripercussioni sulla sua capacità di produrre reddito.” è stato così modificato dall’art. 32, co. 3-ter, D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, convertito con modificazioni, nella L. 24 marzo 2012, n. 27.

————————–

Apri da qui il Decreto 5.2.1992 del Ministero della Sanità, con le TABELLE PERCENTUALI DI INVALIDITA’ CIVILE

———————–

Realizzazione e posizionamento su Internet di questo sito a cura di

SitoPrimaPagina

Ti fa trovare ai primi posti sul web davanti agli occhi di chi, non conoscendo il tuo nome, sta per scegliere di chi servirsi nel tuo settore.

Vedi ad esempio la posizione su Google di questa pagina, cliccando sulle seguenti chiavi di ricerca: invalidità civile“, “assicurazione invalidità civile“, “art 138 codice assicurazioni“, “art 139 codice assicurazioni“.

Formidabile, no? Diventi leader del tuo settore e moltiplichi la clientela!

SitoPrimaPagina procura sempre nuova clientela a qualsiasi operatore economico o professionale: infatti oggi gran parte degli utenti sceglie il fornitore od il professionista di cui ha bisogno tra i primi che compaiono sul web.

Qualsiasi attività tu svolga, comunica a SitoPrimaPagina le “chiavi di ricerca” più utili e redditizie per te. Ti forniamo gratuitamente una valutazione sulla redditività del tuo bacino di utenza ed un onesto preventivo per realizzare il tuo sogno: farti trovare sulla prima pagina di Google da chi cerca prodotti o servizi come i tuoi.

Rende molto, costa poco e… paghi dopo!

art 138 codice assicurazioni

Primeggiare sul web è ricchezza e prestigio.

N° verde 800070333Cell. 3356661227 – Licenza governativa 20018/14/FC – CCIAA 312067FC – info@sitoprimapagina.it

Focus di questa pagina: “invalidità civile“, “assicurazione invalidità civile“, “art 138 codice assicurazioni“, “art 139 codice assicurazioni“.

Il sito www.infortunisticastradalerisarcimentodanni.it è collegato ai siti di settore: www.avvocatistudiolegale.itwww.carroattrezzisoccorsostradale.it, www.soccorsostradaleromadfl.it, www.rottamazioneautogratis.it